La castagna: lantico pane dei poveri.pdf

La castagna: lantico pane dei poveri PDF

Odino Raffaelli

Un libro sugli antichi saperi degli uomini della montagna. Un nuovo libro di Odino, che di quei saperi si è fatto custode e testimone. Dopo le memorie legate al cibo più antico e più simbolico al quale luomo abbia intrecciato il proprio percorso di civilizzazione - il pane - e dopo le pagine dedicate alla pastorizia e alla transumanza delle greggi, Odino stringe lobiettivo su quanto di più tipicamente montanaro la cultura materiale possa offrire, un frutto, un albero, così esclusivo e tipico delle nostre montagne da non sopportare condizioni geografiche e climatiche diverse da quelle, pur aspre per tante altre colture, dellAppennino: la castagna. Fedele custode dei suoi ricordi di bambino montanaro, Odino ripercorre i luoghi amati e ritraccia i gesti noti per offrirne la limpida testimonianza a chi non potrà più farne esperienza diretta.

Seppure le effigi di pietra siano diventate ambasciatrici della Lunigiana sarebbe riduttivo identificare unicamente in queste divinità guerriere una terra che, per storia e tradizioni, non ha niente da invidiare alla Toscana più conosciuta.. Ed è sempre lei, la pietra, ad assurgere protagonista! In maniera arcana, come nei faccion dai volti grotteschi, posti sui portali delle abitazioni per

1.27 MB Dimensione del file
8897732607 ISBN
La castagna: lantico pane dei poveri.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Seppure le effigi di pietra siano diventate ambasciatrici della Lunigiana sarebbe riduttivo identificare unicamente in queste divinità guerriere una terra che, per storia e tradizioni, non ha niente da invidiare alla Toscana più conosciuta.. Ed è sempre lei, la pietra, ad assurgere protagonista! In maniera arcana, come nei faccion dai volti grotteschi, posti sui portali delle abitazioni per

avatar
Mattio Mazio

Risultati "Premio Raffaele Crovi" 2° edizione. Le giurie della 2° edizione del Premio “Raffaele Crovi” per la Letteratura d’Appennino, coordinate dalla Prof.ssa Clementina Santi, Presidente superare in forze l’inverno. Dalla castagna si produceva la farina per fare il pane, la si mischiava alla polenta e al granoturco e la si mangiava a mollo nel latte oppure, la si scambiava con altri generi alimentari, si ingrassava il maiale, la si liofilizzava negli essicatoi per conservarla e avere una riserva di cibo per i mesi più duri.

avatar
Noels Schulzzi

PATRIZIA CAVALLI Adesso che il tempo sembra tutto mio / e nessuno mi chiama per il pranzo e per la cena, / adesso che posso rimanere a guardare / come si scioglie una nuvola e come si scolora, / come cammina un gatto per il tetto / nel lusso immenso di una esplorazione, adesso / che ogni giorno mi aspetta / la sconfinata lunghezza di una notte / dove non c'è richiamo e non c'è più ragione Castagna Cibo tradizionale della notte dei morti, ha un alto contenuto calorico poiché ricco di amidi. E’ infatti il “pane dei poveri” che era possibile conservare a lungo anche per la preziosa farina.

avatar
Jason Statham

Risultati "Premio Raffaele Crovi" 2° edizione. Le giurie della 2° edizione del Premio “Raffaele Crovi” per la Letteratura d’Appennino, coordinate dalla Prof.ssa Clementina Santi, Presidente superare in forze l’inverno. Dalla castagna si produceva la farina per fare il pane, la si mischiava alla polenta e al granoturco e la si mangiava a mollo nel latte oppure, la si scambiava con altri generi alimentari, si ingrassava il maiale, la si liofilizzava negli essicatoi per conservarla e avere una riserva di cibo per i mesi più duri.

avatar
Jessica Kolhmann

1 gen 2012 ... Le Castagne come “Pane dei Poveri” >> ... Un'antica leggenda narra di un piccolo paese di montagna i cui abitanti molto poveri non avendo di ... Il pane costituì la base della dieta dell'antica Roma dal II secolo a.C., cioè da ... il pane con ingredienti poveri, ma ricchi di nutrienti, come ghiande, castagne, ...