Averroè.pdf

Averroè PDF

Massimo Campanini

Averroè (1126-1198), il filosofo e scienziato arabo-spagnolo celebre in Occidente soprattutto per i suoi commentari al pensiero di Aristotele, fu uno degli intellettuali più controversi del suo tempo. Rampollo di uneminente famiglia della sua città natale, fu lui stesso per molti anni fedele servitore dei sovrani almohadi, che dal 1147 presero a regnare in Africa e nella Spagna musulmana. Caduto in disgrazia, fu esiliato, le sue dottrine vennero condannate e fu vietato lo studio della sua filosofia. Poco prima della morte, venne tuttavia riabilitato e accolto a corte. Studioso poliedrico e versatile, ha lasciato contributi in campo non soltanto filosofico, ma anche teologico, giuridico e scientifico. Massimo Campanini ricostruisce la vicenda di questo importante protagonista della cultura medievale, mettendo in luce i principali aspetti del suo pensiero, analizzando i caratteri specifici di uneredità filosofica destinata a esercitare uninfluenza decisiva sul sapere dellOccidente latino, e individuando nella natura militante del progetto culturale che egli elaborò il tratto più moderno e perspicuo dellintera sua opera.

2 mag 2019 ... In Occidente mi chiamano Averroè, ma il mio nome per intero è Muhammad ibn Ahmad ibn Muhammad ibn Ahmad Ibn Rushd. Sono nato nel ... Averroè aveva scritto altre opere tra cui: il trattato decisivo sull'accordo tra filosofia e religione, la coniugazione tra l'intelletto materiale e l'intelletto separato,  ...

2.16 MB Dimensione del file
8815118845 ISBN
Averroè.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Averroismo . L'interpretazione di Averroè e dei suoi seguaci del pensiero di Aristotele: la ragione è l'unico organo idoneo ad acquisire conoscenze scientifiche; ad essa deve sottostare la fede; la materia e il mondo sono eterni; le singole anime sono semplici manifestazioni dell'anima superindividuale universale.

avatar
Mattio Mazio

Averroè. Il più celebre dei filosofi arabi è Averroè. Nacque a Cordova, in Spagna nel 1126, fu esiliato a causa delle sue idee filosofiche e morì il 10 Dicembre del 1198 all’età di 72 anni. Egli scrisse un commento grande, un commento medio, Ibn-Rosch o Averroè, il più celebre dei commentatori arabi di Aristotele, nacque a Cordova nel 1126. Il nonno e il padre erano giureconsulti e giudici e la stessa carriera fu intrapresa da Averroè, il quale però studiò anche con grande entusiasmo la medicina, la matematica e la filosofia.

avatar
Noels Schulzzi

Come Averroè, pur non rifiutando esplicitamente la credenza islamica, le sue tesi filosofiche sono, in punti importanti, incompatibili con l'ortodossia maomettana. Persiano, nato nel 980, Avicenna (latinizzazione di Ibn Sina) fu educato secondo la cultura islamica … Averroè entrò nella corte almohade il 1153, dove svolse una lunga e prestigiosa carriera di magistrato, nel 1182 divenne medico privato del califfo e collaborò al progetto culturale almohade. Fu «un esponente di punta dell'intellighenzia almohade» (p. 21).

avatar
Jason Statham

Le più belle frasi di Averroè, aforismi e citazioni selezionate da Frasi Celebri .it

avatar
Jessica Kolhmann

Averroè Nome con il quale è noto in Occidente il filosofo, giurista, medico e astronomo arabo di Spagna Abū l-Walīd Muḥammad ibn Rushd (Cordova 1126 - Marrākesh 1198). Della sua vasta produzione solo una minor parte è giunta nel testo originale, e il più in versioni ebraiche e latine. Così è avvenuto per i suoi commenti ad Aristotele, divisi in tre gruppi (commento grande, medio Averroè riconosce alla filosofia anche la possibilità di interpretare allegoricamente (ta’wil) i versi coranici oscuri, ambigui o apparentemente contraddittori con la ragione. Tuttavia, proprio dei filosofi è l’argomentare razionale o dimostrativo, che costituisce una …