Domenico Ghirlandaio. Dalla natura fatto per esser pittore.pdf

Domenico Ghirlandaio. Dalla natura fatto per esser pittore PDF

Matteo Cecchi

Amore della bellezza, fervore narrativo e rigore devozionale: sono questi i capisaldi dellarte di Domenico Bigordi detto il Ghirlandaio, uno dei più celebri pittori del Rinascimento fiorentino, la cui poetica traduce in immagini gli studia humanitatis, la dottrina teologica e la filosofia neoplatonica del secondo Quattrocento. La Cappella Sistina e Palazzo Vecchio, il duomo di Santa Maria del Fiore, la Cappella Sassetti e la Cappella Tornabuoni sono solo alcuni degli ambienti adornati dalla sua attività, prematuramente terminata a quarantaquattro anni. Questa monografia propone unesaustiva rassegna dei suoi capolavori, organizzata in ordine geografico e cronologico, suddivisa in trentatré articoli in grado di guidare il lettore alla scoperta e allapprofondimento delle sue maggiori opere parietali e di cavalletto, custodite ed esposte negli spazi museali e nei luoghi di culto della Toscana, dItalia e dEuropa.

Ghirlandàio, Domenico Bigordi detto il. - Pittore (Firenze 1449 - ivi 1494). Figlio di un artigiano (famoso per le acconciature femminili di ghirlande, donde il soprannome), il Gh., forse allievo di A. Baldovinetti, fu certo attento alle novità elaborate nell'ambito della bottega del Verrocchio e nel circolo mediceo, anche se non toccato dalle istanze intellettuali più avanzate.

5.49 MB Dimensione del file
8899176558 ISBN
Gratis PREZZO
Domenico Ghirlandaio. Dalla natura fatto per esser pittore.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Domenico Ghirlandaio. Dalla natura fatto per esser pittore libro Cecchi Matteo edizioni Apice Libri collana , 2018

avatar
Mattio Mazio

Issuu is a digital publishing platform that makes it simple to publish magazines, catalogs, newspapers, books, and more online. Easily share your publications and get them in front of Issuu’s Ghirlandaio, Libro di Andreas Quermann. Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Ullmann, data pubblicazione gennaio 2003, 9783829002486.

avatar
Noels Schulzzi

Questo è un elenco di opere di Domenico Ghirlandaio composto principalmente da opere a carattere religioso e alcuni ritratti, in molti casi, si tratta di affreschi nelle chiese che costituiscono un lavoro di grande portata che si è sviluppato soprattutto a Firenze e dintorni e al Vaticano.

avatar
Jason Statham

Domenico Ghirlandaio, Conferma della regola francescana (dettaglio), affresco Santa Trinità, Florence. Antonio di Puccio Pucci, Lorenzo de' Medici e Francesco Sassetti. Domenice Ghirlandaio, Cenacolo (dettaglio), c. 1486, fresco, 400 x 800 cm, San Marco, Florence. Domenico Ghirlandaio, Giovanna degli Albizzi Tornabuoni, c. 1488/1490, tempera on Sabato 24 Marzo alle ore 16, presso la Sala Consiliare del Comune di Gualdo Tadino, si terrà la lezione di storia dell’arte dal titolo “Dalla natura fatto per esser pittore.Domenico Ghirlandaio, l’Adorazione dei pastori e i dipinti della Chiesa di Santa Trinita a Firenze”, a cura del dott.

avatar
Jessica Kolhmann

Domenico Ghirlandaio (Firenze, 1449 – Firenze, 11 gennaio 1494) è stato un pittore italiano contemporaneo di Botticelli e di Filippino Lippi. Operò soprattutto nella città natale[1], divenendo tra i protagonisti del Rinascimento all'epoca di Lorenzo il Magnifico. Il Ghirlandaio però non perse la commissione, perché nel 1485, quando gli affreschi in Santa Trinita non erano ancora ultimati, Giovanni Tornabuoni lo chiamò per affrescare la stessa cappella maggiore di Santa Maria Novella (il contratto è datato 1º settembre), questa volta con scene della vita di Maria e di san Giovanni Battista (patrono di "Giovanni" Tornabuoni e della città di Firenze