Piero Manzoni. Achromes: linea infinita.pdf

Piero Manzoni. Achromes: linea infinita PDF

Gaspare Luigi Marcone

Il libro che riunisce due delle serie più famose dellartista Piero Manzoni, ovvero gli Achromes (1957-1963) e le Linee (1959-1963), focalizzandosi unicamente sulla relazione tra questi due gruppi di opere e sulla volontà dellartista di sviluppare forme che creino un legame intrinseco tra i materiali e lidea dinfinito. Nel dicembre 1957 Manzoni scriveva: Lo spaziosuperficie del quadro interessa il processo autoanalitico solo in quanto spazio di libertà in cui noi andiamo alla scoperta [...]. Qui limmagine prende forma nella sua funzione vitale: essa non potrà valere per ciò che ricorda, spiega o esprime (casomai la questione è fondare) né voler essere o poter essere spiegata come allegoria di un processo fisico: essa vale solo in quanto è: essere. Parallelamente vi è la produzione dei primi quadri bianchi o incolori, successivamente intitolati Achromes. Inizialmente la realizzazione dei quadri bianchi si inserisce nel clima di ricerca monocromatica internazionale, ma Manzoni vuole andare oltre la semplice monocromia per aprire ulteriori nuovi percorsi. La copertina del volume è la prima fedele riproduzione di uno degli Achromes, sia per quanto riguarda la tela che il taglio: il tutto è protetto in un cofanetto di plexiglass, che mantiene candido, ma maneggevole, il libro.

PIERO MANZONI. Piero Manzoni nasce il 13 luglio 1933 a Soncino (Cremona); cresce a Milano e trascorre gran parte delle. vacanze estive ad Albisola Marina, in Liguria, dove la famiglia frequenta l

5.54 MB Dimensione del file
8864032150 ISBN
Gratis PREZZO
Piero Manzoni. Achromes: linea infinita.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Il libro di Piero Manzoni. Achromes: linea infinita è un'ottima scelta per il lettore. Cerca un libro di Piero Manzoni. Achromes: linea infinita in formato PDF su kassir.travel. Qui puoi scaricare libri gratuitamente! P. Manzoni, Linea (frammento), circa 1959, ink on paper, 20×77 cm. Un progetto interamente dedicato a Piero Manzoni (1933–1963) per la prima della galleria Mazzoleni ad Art Basel (Basilea). Dopo aver preso parte a quattro edizioni di Art Basel Hong Kong e a due di Art Basel Miami, Mazzoleni approda ora nella fiera più prestigiosa del panorama globale dell’arte, dal 15 al 18 giugno 2017.

avatar
Mattio Mazio

Acquista Piero Manzoni. Achromes: linea infinita - Marcone Gaspare Luigi. - Carlo Cambi Editore

avatar
Noels Schulzzi

10 Feb 2016 ... Piero Manzoni's Achromes: Linea Infinita. Photograph: Fondazione Piero Manzoni, Milan. Merda d'Artista consisted of 30g of the artist's shit ... 24 mag 2019 ... Si apre con queste parole scritte da Piero Manzoni (Soncino, 1933 – Milano, ... sono Achrome: è attraverso la negazione che le opere di Manzoni diventano ... di Manzoni, scriveva: “La linea non è forse un numero infinito di ...

avatar
Jason Statham

Le Linee di Piero Manzoni L'opera nascosta. Molti lavori di Piero Manzoni esigono il nascondimento dell’opera d’arte. E’ il caso delle Linee, realizzate in esemplari di diversa lunghezza (da 1,76 a 7.200 metri), tra il 1959 e il 1961.. L’opera consiste in una singola linea tracciata su un foglio di carta, arrotolato e posto all’interno di un cilindro di cartone etichettato.

avatar
Jessica Kolhmann

Piero Manzoni. Achromes: linea infinita. Ediz. multilingue: Il libro che riunisce due delle serie più famose dell'artista Piero Manzoni, ovvero gli Achromes (1957-1963) e le Linee (1959-1963), focalizzandosi unicamente sulla relazione tra questi due gruppi di opere e sulla volontà dell'artista di sviluppare forme che creino un legame intrinseco tra i materiali e l'idea d'infinito.