Rapporto sulla scuola in Italia 2010.pdf

Rapporto sulla scuola in Italia 2010 PDF

Fondazione Giovanni Agnelli (a cura di)

Quanto costa la scuola italiana oggi, allo Stato, agli enti locali, alle famiglie? E quanto ci costerà domani, quando andrà in porto la riforma federalista e listruzione sarà di competenza delle Regioni? Sarà unoccasione per razionalizzare la spesa, la scuola diverrà più efficiente e sarà migliore la qualità degli apprendimenti dei nostri ragazzi, o piuttosto correremo il rischio di aumentare quei divari profondi che già oggi fanno sembrare Nord e Sud paesi diversi? Domande a cui dare risposte con sguardo lungo, perché per essere al passo con i tempi lItalia deve avere il coraggio di cambiare faccia alla scuola, senza nostalgie per il passato. È necessario portare, ad esempio, nelle aule scolastiche un uso più efficace delle nuove tecnologie, saper farle usare con obiettivi formativi

Rapporto sulla scuola in Italia 2010 / Qualità, finanziamenti, differenze geografiche: commenti - | Condividi su: | vota su | | 24 febbraio 2010 Rapporto Sulla Scuola In Italia 2010 è un libro di Fondazione Giovanni Agnelli (Curatore) edito da Laterza a marzo 2010 - EAN 9788842092162: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online.

3.14 MB Dimensione del file
8842092169 ISBN
Gratis PREZZO
Rapporto sulla scuola in Italia 2010.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

RAPPORTO SULLA SCUOLA IN ITALIA 2010. Presentazione nazionale . Roma, 24 febbraio 2010 . Per ridurre i profondi divari territoriali della scuola italiana perseguire in primo è necessario luogo due obiettivi: (i) migliorare i livelli di apprendimento degli studenti in tutto il Paese, in RAPPORTO ITALIA 2019. INDICE. CONSIDERAZIONI GENERALI. DI GIAN MARIA FARA, PRESIDENTE DELL’EURISPES. RISCOPRIRE LA QUALITÀ. La Repubblica del “ni” Una nuova patologia: la “qualipatia” L’Europa che c’è e l’Europa che non c’è “Elogio” del sommerso

avatar
Mattio Mazio

Il capitolo «Processi formativi» del 53° Rapporto Censis sulla situazione ... Roma , 6 dicembre 2019 – La sostenibilità a scuola: un mondo in fermento. ... Le donne laureate in Italia sono 4.277.599, pari al 56% degli oltre 7,6 milioni di laureati. 18 lug 2019 ... Nell'anno scolastico 2016/2017, nella scuola secondaria di primo grado, 6.244 alunni ... La dispersione scolastica sembra incidere in modo differente sulla ... difficoltà rispetto agli stranieri di 2° generazione, ossia quelli nati in Italia che, ... degli alunni con alcuni dati presi dal Rapporto BES dell'Istat (livello ...

avatar
Noels Schulzzi

4. Un po' di storia: la valutazione su larga scala in Italia. 5. Un confronto eloquente: la cultura della valutazione della scuola in Italia e Germania. 5.1. Un' eredità ...

avatar
Jason Statham

24 feb 2010 ... Presentato il Rapporto sulla Scuola in Italia 2010. Roma, mercoledì 24 febbraio. Per ridurre i profondi divari territoriali della scuola italiana è ... Rapporto sulla Scuola in Italia 2010. Scuola digitale e federalismo scolastico possono aiutarci a garantire a ciascuno studente, in ogni regione, apprendimenti  ...

avatar
Jessica Kolhmann

La Banca d’Italia utilizza cookie tecnici e di terze parti per il funzionamento del sito: per maggiori informazioni e per sapere come disabilitarli puoi leggere l'informativa sulla privacy.La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei