Scienze poteri e democrazia.pdf

Scienze poteri e democrazia PDF

M. Mamone Capria (a cura di)

Lingerenza dei comuni cittadini nelle questioni riguardanti la ricerca scientifica non è generalmente ben vista dagli scienziati e dai media. Il cittadino è per lo più trattato come un eterno minorenne che deve seguire senza troppe domande i pareti degli esperti, anche quando toccano le sfere più delicate della sua esistenza privata e sociale. Questo volume nasce invece dallidea che il paternalismo scientista è non solo inappropriato ma pericoloso sia per la democrazia che per la scienza, in quanto solo un controllo costante dei cittadini su metodi, finalità e risultati della ricerca scientifica può garantire che questa non venga sviata per servire interessi di potentati econornici e accademici. I saggi contenuti in questo libro forniscono un amplissima esemplificazione che getta una luce nuova e spesso inquietante su quanto viene imposto allopinione pubblica in nome della scienza, pur essendo controverso o, talvolta, dimostrabilmente falso. Tra i temi trattati sono i rischi da esposizione a radiazioni e sostanze chimiche, gli organismi geneticamente modificati, lomeopatia, le teorie sulla natura del cancro, la controversia sullAids, la base osservativa della teoria delluniverso in espansione. A essere messa in crisi, sia implicitamente che attraverso contributi specifici, è limmagine di maniera della comunità scientifica come aperta alle critiche e dotata di unintrinseca capacità di autocorrezione.

Può la scienza salvare la democrazia? di Redazione. Redazione. 9 Apr, 2018 l’Istituto di neuro-scienze di Shanghai ha reso noto d’aver clonato Zhong Zhong e Hua Hua,

1.22 MB Dimensione del file
8835958148 ISBN
Scienze poteri e democrazia.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Questo vogliono le regole della democrazia. Si possono poi contestare le decisioni, criticare, migliorare le leggi, abrogarle, ecc… questa è la dinamica della libertà in un regime democratico, e questa è la dimostrazione che finché c’è la libertà, rappresentata e custodita dalle istituzioni, è possibile conquistare anche la giustizia

avatar
Mattio Mazio

Aggressori stranieri potrebbero prendere di mira le liste degli elettori e la macchina elettorale sia per influenzare i risultati sia per seminare incertezza e caos. Come imbrogliare la democrazia In edicola da sabato 18 aprile e per due mesi il libro di Guido Silvestri in allegato con Le Scienze o Repubblica.

avatar
Noels Schulzzi

22 mar 2020 ... Non c'è, per il potere cinese, un ordine del capitale autofondantesi, è lo Stato che lo istituisce e lo sospende con un atto discrezionale della ...

avatar
Jason Statham

22 mar 2020 ... Non c'è, per il potere cinese, un ordine del capitale autofondantesi, è lo Stato che lo istituisce e lo sospende con un atto discrezionale della ... Incongruenze nei presupposti fondativi della liberal-democrazia. ... filosofia al pari delle discipline storiche e della scienza politica, e in modo particolare la ... informati, il controllo del potere economico, l'eguaglianza, l'esercizio della sovranità.

avatar
Jessica Kolhmann

Chi vuole fare scienza deve rispettare questi principi: chi non li rispetta se ne mette fuori. L’ethos internamente democratico della scienza è stato violato più volte ma ha saputo auto-correggersi e si conserverà fino a che i risultati rimarranno pubblici e gli scienziati potranno continuare a … 17/04/2018 · Diritto alla scienza, legame tra scienza e democrazia, condizioni necessarie per una buona ricerca e per la sua promozione presso il grande pubblico sono stati i temi centrali discussi la scorsa settimana a Bruxelles nel corso del quinto Congresso mondiale per la libertà di ricerca