Vulcani e eruzioni. Con CD-ROM.pdf

Vulcani e eruzioni. Con CD-ROM PDF

Lisetta Giacomelli, Roberto Scandone

Il volume affronta in maniera agile le principali tematiche della vulcanologia, collegandole alla realtà geologica italiana e ai caratteri generali del vulcanismo su scala mondiale. Dalleruzione del Vesuvio del 79 d.C. a quella dellEtna del 2001 si descrivono i vari tipi di eruzione, grazie al commento di esempi storici. In appendice si analizza il risveglio dellEtna iniziato il 26 ottobre 2002. Il cd rom allegato contiene una presentazione in power point delle figure del volume.

La meteorologia riveste una grande importanza nello studio dei vulcani. La loro attività è in grado di influenzare le condizioni atmosferiche, se questa è particolarmente intensa o prolungata nel tempo. Viceversa, le condizioni del tempo possono avere degli effetti sul modo in cui l’attività di un vulcano … Vulcani italiani quiescenti. Un vulcano si definisce quiescente quando il suo tempo di riposo è inferiore al suo più lungo periodo di inattività: in sostanza si tratta di fenomeni che devono essere tenuti sotto controllo ma che in linea di massima non si possono definire attivi e quindi a rischio immediato di eruzione.Tra questi troviamo: Campi Flegrei, Ischia, Colli Albani, Vulcano, Lipari

9.54 MB Dimensione del file
8837113323 ISBN
Vulcani e eruzioni. Con CD-ROM.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nettunofirenze.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La montagna che sputa fuoco Un vulcano si forma là dove il magma, dopo avere attraversato la crosta terrestre, raggiunge la superficie. La composizione chimica del magma, che può cambiare nel tempo per uno stesso vulcano, condiziona la sua forma e il tipo di eruzione. Dall’alterazione dei depositi vulcanici deriva un suolo molto fertile e per questo motivo l’uomo, sfidando anche il Uno stratovulcano (o vulcano a cono), come il Merapi - ma anche i nostri Etna, Stromboli o Vesuvio, solo per citarne alcuni - attraversa tre diversi stadi fra un'eruzione esplosiva e l'altra. Inizialmente, dopo una prima eruzione, quando la lava è ancora permeabile, è possibile osservare una consistente fuoriuscita di gas in una sorta di sbuffo o soffio grigio del vulcano.

avatar
Mattio Mazio

Le conseguenze dell'eruzione dei vulcani sottomarini, come direttamente connesse con la formazione di onde mortali e tsunami. Guasti di subglaciale, a causa della sua grande eruzione, a seconda della particolare posizione geologica e geografica, possono portare alla formazione di frane, potenti smottamenti e la caduta dei ghiacciai stessi.

avatar
Noels Schulzzi

Possono avvenire dalla bocca del vulcano - è il caso del Vesuvio - o da bocche che si aprono in punti diversi, nel caso dei Campi Flegrei o dell’Etna. La durata delle eruzioni vulcaniche è variabile: possono durare poche ore o anche decine d'anni. Il vulcano Kilauea nelle isole Hawaii, ad esempio, è in eruzione …

avatar
Jason Statham

Ogni vulcano ha la propria classificazione e un periodo di eruzione, e in questo caso la classificazione è eruzione vulcanica, mentre il periodo di eruzione è mensile. I PRECURSORI DELLE ERUZIONI Molti esempi riportati in letteratura dimostrano che non esiste attualmente un modo per prevedere l’inizio di un’eruzione con accuratezza deterministica, cioè non è possibile determinare in maniera non equivoca il tempo, il luogo e l’entità di una futura eruzione tratto da vulcan.fis.uniroma3.it Molto spesso, prima che avvenga un’eruzione di un

avatar
Jessica Kolhmann

detta eruzione e i materiali eruttati sono lava, cenere, lapilli, gas, scorie varie e vapore acqueo. violenza dai vulcani durante eruzioni di tipo esplosivo. I frammenti di tefrite vengono classificati come lapilli quando hanno dimensioni comprese fra i 2 e i 64 mm di diametro. I vulcani dovuti a una o più eruzioni dello stesso tipo si dicono semplici (od omogenei) mentre quelli dovuti a più eruzioni aventi caratteristiche diverse tra loro, a causa di mutamenti nella composizione del materiale magmatico sopravvenuti tra un'eruzione e l'altra e manifestatisi attraverso condotti diversi, si dicono composti (o compositi).